bilingual blog

this is a bilingual blog written by a single mom who is like many others but who somehow is also different :-)

domenica 6 novembre 2011

questo finesettimana - this weekend


sabato.
mi sono presa del tempo per me stessa, la mattina. l'ometto venerdì sera è andato in trasferta extra da papà, perché non si son visti in settimana. poi è tornato. e, insieme, abbiamo attraversato, ognuno a modo suo, una crisi. la separazione non passa sempre inosservata, nemmeno qui. lui ne è uscito da solo, dopo un po'. io, invece, ho avuto chi nel frattempo mi ha dato una mano. una grande mano, per la verità.
quando è tornato il sereno abbiamo preparato insieme la torta di zucca e cioccolato per il pranzo dell'indomani con la nonna. dopo cena lui ha voluto chiamarla per chiederle se potesse assaggiare la torta anzitempo. ovvio che lei non avrebbe mai detto di no, così è finita che la torta l'abbiamo assaggiata in due. a quel punto però le ho ritelefonato io per dirle che, con molta probabilità, ne avrebbe trovata ancor meno, dato che ci avremmo senz'altro fatto anche colazione.
***
saturday.
I took some time to myself in the morning. on friday night my little boy had gone with his dad, since they couldn't see each other during the week. then he came back. and both of us, each in his way, passed through a crisis. a separation does not always go unnoticed, not even in here. he was able to let it go after a while. and in the meantime I had someone who gave me a hand to get out of it. a great hand, to be honest.
when it has cleared up, we prepared together a pumpkin and chocolate pie for the lunch with his grandmother of the following day. after dinner he wanted to call her to ask if he could taste the cake ahead of time. obviously she would never say no, therefore we ended up tasting the cake in two. at that point it was my turn to call her back to tell that, probably, she would have found even less cake, since with no doubt we would have had it also for breakfast.

 
domenica (di pioggia a secchiate e vento di traverso).
la nonna temeraria è arrivata in autobus lo stesso (però poi l'abbiamo riportata a casa noi la sera).
era da molto che non passava di qui, così ha visto le mie modifiche e, finalmente, anche la cameretta.
io, nel frattempo, ho preparato un menù semplice ma d'effetto: arrostini di coscia di pollo disossata e ripiena e le patate al cumino dell'erinni in dose idonea per favorire la pace nel mondo. il tutto accompagnato da vino rosso corposo e seguito dalla torta di cui sopra.
mentre nonna e nipote si scatenavano (hanno tirato fuori di tutto di più, riordinato, giocato a nascondino e non so che altro), io mi son data al progetto creativo al quale stavo girando attorno da qualche giorno.
poi abbiamo accompagnato la nonna a casa, fatto una vagonata di popcorn in padella (non sapete come si divertiva l'ometto quando alzavo appena il coperchio e la pentola sparava popcorn per tutta la cucina) e scelto un film, che oggi gli avevo promesso un pomeriggio di cinema casalingo. ha scelto uno dei nostri film preferiti (sì perché io credo ancora a babbo natale, sapevatelo). e mentre lo guardava, io ho continuato a creare. il risultato finale, a fine serata, ci ha visti esaltati entrambi. voi, però, dovrete pazientare ancora un po' per vederlo ...
***
 sunday (with buckets of rain and crosswind).
bold grandma came by bus (but then we drove her home in the evening).
she hadn't been here a long time, so he saw my changes and, finally, even this bedroom. in the meantime, I prepared a simple but effective menu: boned roasted and stuffed chicken legs and potatoes with cumin in the appropriate quantity to promote world peace. all accompanied by full-bodied red wine and followed by the above mentioned cake.
while grandmother and grandson let loose (they pulled out almost everything, rearranged, played hide and seek and maybe something else I don't know), I gave myself to the creative project to which I had been turning around for a few days.
after having driven grandma home, we made a truckload of popcorn in a pan (you should have seen how much fun my little boy ad when I raised the lid and the pot shot popcorn all over our kitchen) and he chose a film, since I had promised him a sort of home theater afternoon. he chose one of our favorite movies (yes, I still believe in Santa Claus, you'd better know it). and while he watched it, I continued to create. the final result at the end of the evening saw us both excited. but you still have to wait for a while to see it ...

 

 

9 commenti:

  1. cara Fra, all'inizio mi stavo preoccupando leggendo del vostro momento di crisi...mi dispiace...poi però siete riusciti a ritrovare il buon umore e trasformare tutto in un magico weekend.
    Assaggerei una fetta di quella torta...mi hai fatto tornare in mente quanto è bello aprire il coperchio e vedere la pentola piena di popcorn( anch'io li facevo così a casa dei miei ma da quando ho il microonde...) e poi il cinema party ( come lo chiamiamo noi)...polar express non lo abbiamo visto, devo recuperare!
    E per finire...Franny creativa si scatena ora!...la macchina di cars è un indizio visti i colori del feltro a fianco o sono "fuori strada"?...curiosa sono!
    buon inizio settimana

    RispondiElimina
  2. Quelle cosce di pollo con patate.. A quest'ora dopo la palestra.. Mmmmmmm........

    RispondiElimina
  3. deb, le crisi vanno messe in conto. non può sempre filare tutto liscio e anche quelle insegnano qualcosa. ciò che conta è superarle con la consapevolezza di ciò che è stato e andare avanti.

    la torta era spaziale. un mix di sapori da autunno pieno. te la consiglio.

    polar express è assolutamente da vedere. siamo anche nella stagione giusta, approfittane (qui lo guardiamo anche ad agosto, siccome...)

    e che dire del microonde? io ce l'ho. maa è spento da anni. l'avrò usato 3 volte in croce. sono ancora convinta che bene non faccia. e lo evito. e poi i popcorn sono moooolto più divertenti in padella :-)

    baci e buona settimana

    ps: sì, sì, la macchinina c'entra eccome. :-)

    RispondiElimina
  4. elena, ti assicuro che meritavano forse quanto l'hummus. :-D :-*

    RispondiElimina
  5. mumble mumble...il feltro azzurro per gli occhi di cars? e via dicendo? sbrigatiii che voglio vedere...il mio piccolo è patito di cars!!
    baciotti

    RispondiElimina
  6. deb, esatto. e via dicendo.
    solo non è feltro. è pannolenci. fa lo stesso. volevo qualcosa di non rigido.
    resisti. il mistero verrà svelato domani sera... :-)

    baciotti

    RispondiElimina
  7. Come profumano di bello e d'amore questi tuoi racconti, queste vostre giornate :-****

    RispondiElimina
  8. Anch'io credo a Babbo Natale :-)!

    RispondiElimina
  9. piccolalory, come ben sai non è sempre tutto bello e tutto facile, ma con l'amore molto si risolve :-) :-*****

    ps: io non smetterò mai di credere a babbo natale. e se non fosse fuori catalogo ti consiglierei di prendere il libro del polar express. che è molto meglio del film (come sempre) e ha delle illustrazioni spettacolose che ti vien voglia di entrarci dentro alle pagine... :-)

    chissà, forse qualche copia ancora in giro c'è...

    RispondiElimina

ciao, sono lieta che tu sia qui e che tu abbia dedicato del tempo per lasciare il tuo commento. io tornerò presto da te. ♥

hi, I'm glad you're here and you've found time to leave your comment. I'll get back to you soon. ♥