bilingual blog

this is a bilingual blog written by a single mom who is like many others but who somehow is also different :-)

martedì 3 gennaio 2012

5


se avessi scritto questo post qualche anno fa, avrei detto che la giornata non sarebbe dovuta andare così, che io non avrei dovuto aver la febbre da 3 giorni e che l'ometto avrebbe dovuto trascorrere il suo quinto compleanno come l'anno scorso, in gita a sorpresa con mamma e papa', insieme per un giorno.

ma il post lo scrivo oggi. e oggi so che la vita va dove deve andare. (anche se a volte noi ci ostiniamo erroneamente a pensare che no). percio' l'ometto ha trascorso il suo quinto compleanno si' con mamma e papa', ma a casa di mamma. ha potuto scegliere di restare in pigiama tutto il santo giorno e persino di non andare a fare un giro con la sua bicicletta nuova di zecca. ed ha anche potuto (di nuovo) far la lotta con papa' sui divani, giocare con lui nella sua cameretta e sdraiarsi sul divano grande tra le sue braccia mentre guardavano insieme (per l'ennesima volta) 'alla ricerca di nemo'. il tutto mentre la mamma febbricitante e indolenzita preparava lasagne ricotta e spinaci e una torta che non era inizialmente prevista così, ma che evidentemente doveva andare esattamente come la giornata.

ps: in realta', suo papa' sul divano grande ad un certo punto dormiva. ed io, vedendolo, per un istante ho pensato di essere nel 2009, piuttosto che nel 2012. ma poi, di nuovo in cucina, ho sorriso. perche' so che, per quanto bene fraterno io voglia ancora a quell'uomo, la mia vita sapeva dove andare. e che oggi va bene cosi'.


had I written this post a few years ago, I would have said that the day wouldn't have had to go like it has, that I shouldn't have had fever in the past 3 days and that my little boy should have spent his fifth birthday like we did last year, on a surprise trip with mom and dad, together for a whole day.

but I'm writing this post today. and today I know that life goes where it has to go. (although sometimes we mistakenly persist thinking than it doesn't). therefore my little boy has spent his fifth birthday with mom and dad, but at mom's. he could choose to wear his pajamas all day long and even not to go for a ride on his brand new bicycle. and he could also fight
(again) with his dad on the couches, play with him in his room and lie down in his arms on our large sofa while watching together (for the umpteenth time) 'Finding Nemo '. all this while feverishing and aching mom was making lasagna with spinach and ricotta and a cake that was not originally planned that way, but which obviously had to come out like it did, exactely as the day did.

ps: actually,
at some point, his dad lying on the big couch was sleeping. and as I saw him for a moment I thought I was in 2009 rather than in 2012. but then, back in the kitchen, I smiled. because I know that, no matter how much I still fraternally love that man, my life had to go this way. and right now it's ok just as it is.

18 commenti:

  1. Bello. Penso che l'ometto sia davvero fortunato ad avere due genitori così. E ti ammiro per l'equilibrio che sei riuscita a creare. :)

    P.S. Ma il compleanno quand'era? Tanti auguri anche se in ritardo!

    RispondiElimina
  2. I hope that everyone is feeling healthy now. life certainly has a way of interrupting our plans!

    RispondiElimina
  3. mi spiace per la tua febbre!!
    comunque mi piace la tua forza e determinazione...ti ha portata a vedere il bello anche quando qualcosa va storto!
    che poi in fondo all'ometto importa solo stare con voi e la giornata sarà stata meravigliosa proprio nella sua semplicità.
    Tanti auguri all'ometto, un abbraccio alla malaticcia e tantissimi auguri di un anno di continua crescita interiore e serenità!
    un bacio
    ps: quando stai meglio cerchiamo di organizzare il nostro famoso incontro con Giuly?

    RispondiElimina
  4. A volte è più facile fare un passo indietro che uno in avanti, e tu sei stata bravissima a non farti tentare! ^-^
    Ti abbraccio e auguri all'ometto

    RispondiElimina
  5. Tre anni non sono passati invano.
    Auguri all'ometto. E pure un poke di regalo. ;)

    RispondiElimina
  6. Per prima cosa Tantissimi auguri all'ometto, che cresce, cresce, ma come crescono in fretta questi gnometti eh?

    Sei un insegnamento per me Franny. Quando qualcosa mi va storto penso alla tua capacità di vedere la vita e i suoi accadimenti in un certo, sanissimo, modo, e mi sforzo di emularti. Ho ancora tanta strada da fare, e so che non è semplice, a te è costato (e forse costa ancora) impegno quotidiano, ma il pensiero di te mi fa da guida.
    <3 <3 <3

    RispondiElimina
  7. Tanti cari auguri al piccolo "ometto" che sta crescendo a vista d'occhio! E' bellissimo!!!:-) e in questo post respiro tanta serentà!
    Un dolce abbraccio!

    RispondiElimina
  8. paola, grazie.
    l'equilibrio un po' è il risultato di due persone che sanno cosa vogliono per loro figlio, e un po' anche il frutto di tiri aggiustati, rospi ingoiati, sacrifici.

    I'm not telling you that it's easy, I'm just telling you that it's worth it ;-)

    e grazie per gli auguri, non eri in ritardo. il compleanno era proprio ieri :-)

    baci

    RispondiElimina
  9. grazie, lilli!!!

    (buono il panettone??? ;-))

    RispondiElimina
  10. maria rose, I'm not 100% healty, but yes I'm feeling better. and my little boy keeps coughing a bit too much but we'll make it :-)

    hope you almost 4 are fine :-)

    RispondiElimina
  11. deb, sono arrivata a fine anno tirando troppo la corda: notti insonni a sferruzzare, perché l'ometto non doveva vedere, lavoro lavoro lavoro, le spese per la nonna col fuoco di sant'antonio, le corse per fatti miei. ricordo di aver detto ad una persona: ho bisogno di fermarmi ma non posso.
    ci ha pensato il corpo. lui i segnali li manda, ma se noi non li ascoltiamo poi ci ferma davvero.

    :-)

    l'incontro non me lo scordo no. attendo turni via mail e poi combiniamo sìsìsì. :-)

    RispondiElimina
  12. BF, è che le voci che ti dicono di fare il passo indietro arrivano a iosa. bisogna solo esser chiarire se la voce sia la tua interiore o quella di chissachi (famiglie, morale, amici che sarebbero così felici di vedervi tornare insieme...)

    peccato che se ascolti la voce sbagliata, quella che ti giochi è la tua di felicità, mica quella degli amici :-P

    ricambio l'abbraccio

    RispondiElimina
  13. ale, grazie.
    ora che anche l'ometto ha un poke son proprio felice :-P

    baci

    RispondiElimina
  14. oddio, vale, mi stai dicendo che sono un po' il tuo apripista??? :-)
    lusingata. ma è bello sì. perché so quanto il mio apripista abbia aiutato me, quanto io viva meglio oggi e mi può solo far piacere aiutare qualcun altro a far lo stesso.

    quanto al 'forse costa ancora', costa, sì. un pochino. è un impegno con me stessa. o meglio, fa parte del mio amore per me. ma costa meno di un tempo, perché scardinare i vecchi schemi mentali all'inizio è faticoso e devi porre attenzione ai pensieri e agli stati d'animo. ma poi, se un nuovo schema mentale si consolida, ti viene tutto automatico, proprio come accadeva con gli schemi vecchi . è solo il risultato (= la tua vita) che cambia. in meglio. e non è poco.

    bacioni

    RispondiElimina
  15. ciao dolce cri!!!

    grazie.
    un forte abbraccio anche a te e ai tuoi cuccioli.

    RispondiElimina
  16. Tanti auguroni al piccolo che cresce e alla sua mamma! =)
    A presto

    RispondiElimina
  17. lena, grazie mille :-)
    a presto!

    RispondiElimina

ciao, sono lieta che tu sia qui e che tu abbia dedicato del tempo per lasciare il tuo commento. io tornerò presto da te. ♥

hi, I'm glad you're here and you've found time to leave your comment. I'll get back to you soon. ♥